Per arrivare dal Pakistan all’Italia, senza visto d’ingresso, devo giungere in Iran, attraversarlo senza farmi arrestare perché clandestino, e per farlo mi appoggio ai trafficanti; raggiungere la Turchia, attraversarla senza farmi arrestare perché clandestino, e per farlo mi appoggio ai trafficanti; raggiungere la Grecia, arrivare a Patrasso, infilarmi in un container e giungere a Bari o Ancona. E per farlo mi appoggio ai trafficanti. 

Poi mi mandano in un posto fuori dal mondo, che nemmeno Europa sembra.
Ci sono le reti alte e i militari tutto intorno. Mi dicono: per essere libero di andare in Europa, devi entrare là dentro. Ma per entrare si deve aspettare. E allora mi accampo, nei paraggi di questo posto brutto, sporco e dove tutti mi guardano male. Ogni giorno vado a chiedere in quel grande recinto se per caso c’è un posto per me. Poi torno ad aspettare. Per andare in città c’è una strada lunga, che la sera è buia buia, e dove le macchine passano che sembra ti vogliano prendere, visto che non c’è il marciapiede.

Il 14 aprile una macchina mi ha preso.


i girasoli


Il 20 aprile l’ipotetico narratore di questa storia è morto. Aveva 29 anni. La notizia è trapelata solo il 30 aprile, 10 giorni dopo. E solo grazie al fatto che gli altri sopravvissuti all’odissea, momentaneamente, hanno voluto celebrare una sorta di funerale. Nel parcheggio di Pian del Lago (lo stadio) c’era una marea di gente: pakistani, afghani, ma anche tanti africani. C’era tutto il mondo.
Mancava l’Italia.

Non c’era nessuno per la Prefettura, nessuno per il Comune, non parliamo della Questura (a parte la volante che è venuta a controllare cosa stesse succedendo).
Non c’era la città, non c’erano le chiese. C’era solo dolore straniero.
La vergogna che abbiamo provato è grande come quel dolore.


Da: Sportello Immigrati. Via Re d’Italia 14. Caltanissetta. Mondo.

L’associazione “I Girasoli” è un onlus da molti anni impegnata nell’assistenza ai rifugiati e richiedenti asilo attiva nella provincia di Caltanissetta.


Di Lorena

Ho fatto partire Multicoolty Italia.
Amo viaggiare ed adoro il cinema e i libri. Sono una ragazza solare e molto sportiva: in particolare gioco a calcio da una vita e sono una fanatica milanista. Mi piace scrivere e scattare fotografie!