Sono Roxy Maria e la Romania è il mio Paese di origine. Sono arrivata in Italia 12 anni fa, la prima volta. Successivamente ho fatto un po’ avanti e indietro, ma da più di 2 anni sono qua in pianta stabile. Avevo il desiderio di fare qualcosa in più per me e per il mio futuro e sono arrivata qui soprattutto per la vicinanza tra i due Paesi.

Imparare l’italiano è stato facile, ho avuto la fortuna di conoscere una maestra di scuola elementare e mi ha aiutato molto: in meno di un mese già parlavo bene. Conoscere la lingua del Paese dove si sceglie di andare è importante, soprattutto in Italia e al sud, per saperti integrare ma soprattutto per il lavoro e bisogni vari.
Le difficoltà iniziali? La maggior parte delle persone mi guardava con scetticismo e qualcuno anche con disprezzo. E’ vero che ci sono stranieri che rubano, distruggono famiglie ecc… ma questo è ovunque e non per questo siamo tutti uguali. Ma forse è anche questione di mentalità…

Una società multiculturale? Sarà possibile un giorno, in tempi lontani… forse le future generazioni accetteranno una società interamente multiculturale. L’esempio più grande è l’America… ma oggi c’è ancora odio e disprezzo per gli stranieri.

La cosa assurda è che nessuno si mette nei panni di chi arriva in Italia, non è per divertimento che si lascia la propria terra. Giudicare è più facile che comprendere…
In Romania non c’è tanto razzismo e disprezzo come qui: convivono arabi, turchi, cinesi ecc…
Non mi piace il disprezzo della gente… anche se tutto il mondo è paese: ci sono persone e persone, d’altra parte ho conosciuto persone splendide. L’Italia è un bel Paese, con luoghi stupendi…

Casa mia mi manca sempre… ma ora ho una famiglia qui! Un domani non lo so come andranno le cose.
Magari in pensione andiamo in Romania (ahahaha). Ogni tanto io e il mio compagno scherziamo su questo. Lui è italiano ed è normale che ci sia qualche difficoltà dovuta alle differenti culture: abitudini, cibo, tradizioni, religione, educazione… ma con buona volontà si trova la via di mezzo.

Mia figlia parla entrambe le lingue.


0