Essendo un’expat vicina all’Italia riesco a ritornarci più volte durante l’anno. Ma ogni volta ci sono certi schemi che si ripetono. Chissà se anche voi vi ci riconoscerete!

Il primo a salutare al tuo arrivo è il tuo cagnolino, il quale subirà tutti i tuoi bacini e abbracci in modo più o meno sofferente. Quando tornerai a casa ti guarderà come per dire “Ma che vuoi?” e scoprirai che il tuo letto ormai è diventato il suo. Così come i tuoi bellissimi pupazzetti dell’infanzia a cui ora mancano occhi e naso.

In casa sembrerà che un buco nero abbia risucchiato tutti gli oggetti che cerchi. Ogni cosa sarà sparita o avrà cambiato posto e ti ritroverai a girare per casa con aria spaesata, inciampando in nuovi oggetti apparsi all’ultimo momento.

Sarai sotto la maledizione del cibo. Ti sei ripromesso che questa volta continuerai lo sport anche in vacanza, magari andrai a correre per approfittare della natura, del bel tempo. Poi però, senza neanche che tu te ne accorga, sarai inghiottito dal tunnel del cibo. Pizza, pasta, colazione al bar, caffè, gelato. Un ciclo che si ripete all’infinito e dal quale uscirai forzatamente al momento del rientro.QuandoTorniinItalia


Devi vedere tutti, ma proprio tutti. Certo, se sei tornato in Italia non è solo per passare una vacanza, ma anche per rivedere amici e parenti dopo molto tempo. E’ ovvio che ti faccia più che piacere. Ma riuscire ad organizzare e accontentare tutti risulterà un’impresa. Ti sentirai un po’ un uomo d’affari dall’agenda strapiena e ti ritroverai a correre un po’ ovunque per riuscire a vedere tutti. Tra l’altro questi incontri non faranno che infossarti ancora di più nei profondi meandri del tunnel del cibo.

La gente non farà che chiederti “Allora, com’è laggiù?”. Crederanno che tu possa in due minuti spiegare com’è vivere all’estero. E’ difficile spiegare alla gente che vivere all’estero non è come essere in vacanza prolungata. E no, non potrai rispondere a una domanda del genere. Ma lo farai, con grandi sorrisi dirai a tutti “Bene”. E loro ti guarderanno, perché si aspettavano di più. Ma c’è troppo da dire in troppo poco tempo.

Un’altra frase che sentirai spesso è “Hai fatto proprio bene ad andare via dall’Italia”. Tutti penseranno che la tua vita all’estero sia perfetta in ogni suo aspetto. Ma non solo, per loro qualsiasi sia il Paese in cui vivi questo sarà sempre meglio dell’Italia. In realtà non capiscono che non esiste Paese perfetto, e non esiste Paese migliore o peggiore. Esistono Paesi e culture diversi, questo è quanto.

Ti sentirai dire che ora hai un accento straniero. Probabilmente hanno ragione, ma potrebbe anche essere dato dal fatto che non riuscirai più a parlare italiano con la stessa facilità di prima, almeno non per i primi giorni. Userai espressioni che in Italia non esistono, inventerai nuove parole. Insomma, ti sentirai un po’ straniero a casa tua, e non solo per la lingua, ma anche per quella costante sensazione di non riconoscere più i luoghi e le abitudini del Paese che ti ha cresciuto.

Infine, quando partirai saluterai per primo il cagnolino con i soliti bacetti e abbracci. Te ne andrai e, un po’ a malincuore, gli lascerai il tuo letto, i tuoi pupazzetti e la tua bella Italia. Quell’Italia fatta della tua famiglia, dei tuoi amici e delle abitudini che avevi dimenticato di avere.

Leggi il post originale qua.

 


By Federica

Je fais partie du team Multicoolty France.
Étudiante italienne passionnée de photographie, de livres et surtout de voyages. Le voyage fait partie de ma vie, je ne reste jamais trop longtemps dans le même endroit!