Che cos’è  ti piace/non ti piace in Italia e degli italiani?

Non posso parlare per tutti gli italiani, noi abbiamo vissuto in una piccola città, e mi hanno detto che avrei avuto un’esperienza diversa al nord o al sud o in una città più grande o più piccola. Ma quello che mi è piaciuto di più a Spellani era come la gente era disposta non solo a tollerarci, ma a farci sentire come a casa. Gli studenti erano ansiosi di fare amicizia con i miei figli… Entro la fine del nostro anno, ci siamo sentiti come se appartenessimo a Spellani. Quando mio marito è stato ricoverato in ospedale, la gente mi ha portata avanti e indietro in ospedale, hanno parlato con i medici, hanno fatto in modo che sapevamo che non eravamo soli.

Quello che non mi è piaciuto è stata l’incapacità degli italiani per formare una coda: non in ufficio di polizia, dove abbiamo completato la nostra residenza, non ai caselli per entrare in autostrada, e mai presso l’ufficio postale. Mi mancava molto la fedeltà americana alle regole! Mi piace sapere dove sono…

Leggi l’intervista completa in inglese qui.


Di Eve

Multicoolty founder.
Always a learner, hungry runner, dog lover for life, world traveler, serial fish eater and espresso drinker, Juventus fan and a true multicoolty at heart!